Il mio Blog:
appunti di vita quotidiana!



E miracolosamente non ho smesso di sognare e miracolosamente non riesco a non sperare
e se c'è un segreto è fare tutto come se vedessi solo il sole
(Elisa - "Qualcosa Che Non C'è")



29 gennaio 2009

Ultimo saluto a Mino Reitano

Avevo piacere di lasciare un ultimo saluto al cantante Mino Reitano (Beniamino Reitano, conosciuto come Mino), non perchè sia una sua fan ma perchè ha fatto la storia della musica italiana e ha portato il nome della nostra Nazione con orgoglio, onestà e umiltà all'estero per tanti anni.

Ora tutti lo osannano come capita sempre post mortem, eppure in vita in molti lo hanno deriso e canzonato per la sua estrazione popolare. Sonomperò contenta di vedere che in tanti in questi giorni lo stanno ricordando.

Ci ha lasciato il 27 Gennaio 2009 tra le cure amorevoli della sua famiglia dopo una lunga malattia (cancro all'intestino) che ha affrontato serenamente anche grazie al conforto della fede cattolica in cui credeva.

Un caro saluto a Mino e alla sua famiglia!


Mino Reitano, uno dei cantanti piu' popolari e amati dagli italiani, si e' spento nella sua abitazione di Agrate Brianza, in provincia di Monza. Gravemente malato da un paio di anni, e' stato assistito sino alla fine dalla moglie Patrizia, e dalla figlia Giuseppina Elena. Ad Agrate Brianza il popolare cantante aveva creato da anni il "Villaggio Reitano" che radunava una folta schiera di parenti. Reitano aveva due figlie, Grazia Benedetta e Giuseppina Elena.

Un anno e mezzo fa era stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico, a cui ne era seguito un secondo nel novembre scorso.

Nato a Fiumara (RC), Reitano per otto anni studia al conservatorio di Reggio Calabria, violino, pianoforte e tromba. Giovanissimo emigra in Germania e proprio qui, in un locale di Amburgo, si esibisce sullo stesso palcoscenico insieme a un gruppo che nel giro di pochi anni diventera' famoso in tutto il mondo: i Beatles. Nel 1966 partecipa a Castrocaro e nel '67 al Festival di Sanremo.
Nel '68 arriva al primo posto della Hit Parade italiana con una sua composizione: 'Avevo un cuore che ti amava tanto'. Dal quel momento inizia la scalata verso il successo con riconoscimenti di ogni genere, dischi d'oro e tournee' in tutto il mondo. Per otto anni partecipa a Canzonissima, la piu' importante manifestazione canora televisiva degli anni '70, giungendo sempre in finale e classificandosi ai primi posti.
La televisione gli affida innumerevoli show e nel '77 si cimenta nei panni dello scrittore con un romanzo intitolato 'Oh Salvatore', opera che godra' di onorificenze dai piu' prestigiosi premi letterari d'Italia.
Nel 1988 torna al Festival di Sanremo con la canzone 'Italia' e, sempre a Sanremo nel '90, presenta 'Vorrei'; seguono partecipazioni ad altri spettacoli televisivi e, nel '91, ancora a Sanremo con 'Ma ti sei chiesto mai'.
Dal '93 in poi tournee' negli USA, Canada, Australia e in altri paesi del mondo.
Fonte: Agi.it

0 commenti:

Posta un commento

Puoi commentare il mio blog anche se non sei iscritto ma non lasciarmi il commento anonimo. Clicca su Nome/Url e scrivi il tuo nome o il tuo nick! ^_^